Feed on
Posts
Comments

Matthäuspassion

La Passione secondo Matteo (Matthäuspassion) di Johann Sebastian Bach (BWV 244) è una composizione di musica sacra per voci soliste, doppio coro e doppia orchestra, su libretto di Picander. Si tratta della trasposizione musicale dei capitoli 26 e 27 del Vangelo secondo Matteo, inframezzata da corali e arie. Viene considerata tra i capolavori di Bach e perfino tra quelli della musica occidentale.

Il coro dei Pueri Cantores sta preparando questa composizione che presenterà nel corso del 2007. Come introduzione all’opera vorremmo proporvi la traduzione in italiano a cura di Gabriel Cervone. L’intera traduzione è anche disponibile qui in formato PDF

  • Passione di San Matteo (J.S.Bach)

(traduzione in italiano a cura di Gabriel Cervone)

  1. (Coro e Corale) Venite, figlie, unitevi al mio compianto! – Guardate! – Chi? – Lo sposo. Guardatelo! – Come? – E’ come un agnello! – Vedete! – Cosa? Il suo paziente soffrire. Guardate! – Dove? – Alle nostre colpe. Vedete come nel suo amore e misericordia porta il legno della Croce! Corale (coro di bambini) – O agnello di Dio, senza colpa immolato sulla croce, sempre paziente, anche quando fosti schernito. Su di te hai preso tutti i peccati, salvandoci dalla perdizione. Abbi pietà di noi, o Gesù!
  2. (Recit Evang) Terminati questi discorsi, Gesù disse ai suoi discepoli: Gesù: Voi sapete che fra due giorni è Pasqua e che il Figlio dell’uomo sarà consegnato per essere crocifisso. (Mt 26, 1-2)
  3. (Corale) Amato Gesù, che hai mai commesso, per esser così crudelmente condannato? Qual è la colpa, in quali misfatti sei tu caduto?
  4. (Recit Evang) Allora i sommi sacerdoti, gli scribi e gli anziani del popolo si riunirono nel palazzo del sommo sacerdote, che si chiamava Caifa e tennero consiglio per arrestare con un inganno Gesù e farlo morire. Ma dicevano: (4b coro) Non durante la festa perché non avvengano tumulti fra il popolo. (4c recit evang) Mentre Gesù si trovava in Betania, in casa di Simone il lebbroso, gli si avvicinò una donna con un vaso di olio profumato molto prezioso e glielo versò sul capo mentre stavano a mensa. I discepoli vedendo ciò si sdegnarono e dissero: (4d coro) Perché questo spreco? Lo si poteva vendere a caro prezzo per darlo ai poveri! (4e recitativo evangelista) Ma Gesù, accortosene, disse loro: (Gesù) perché infastidite questa donna? Essa ha compiuto un’azione buona verso di me. I poveri infatti li avete sempre con voi, me, invece, non sempre mi avete. Versando questo olio sul mio corpo, lo ha fatto in vista della mia sepoltura. In verità vi dico: dovunque sarà predicato questo vangelo, nel mondo intero, sarà detto ciò che essa ha fatto, in ricordo di lei. (Mt 26, 3-13)
  5. (Recit contralto) Tu, o amato salvatore, se i tuoi discepoli stoltamente disputavano su questa pia donna, che con l’olio preparava il tuo corpo alla sepoltura, concedi a me ora che il fiume di lacrime sparso dai miei occhi sul tuo capo si versi come un olio profumato!
  6. (aria contralto) Pentimento e rimorso dilaniano il cuore colpevole. Che le stille delle mie lacrime un dolce profumo divengano per te, mio fido Gesù! (da capo)
  7. (Tradimento di Giuda) (recit evang) Allora uno dei dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: (Giuda) Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni? Evangelista: E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. E da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnarlo. (Mt 26, 14-16)
  8. (Aria soprano) Sanguina, cuore diletto! Ah! Un figlio da te cresciuto, nutrito dal tuo seno, vuole uccidere chi l’ha allevato, ed è divenuto un serpente. (da capo)
  9. (Ultima cena) (9a recit evang) Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: (9b coro) Dove vuoi che ti prepariamo, per mangiare la Pasqua? (9c recit evang) Egli rispose: (Gesù): Andate in città, da un tale, e ditegli: “Il Maestro ti manda a dire: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”. (evang) E i discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù e prepararono la Pasqua. E venuta la sera, si mise a mensa con i Dodici. E mentre mangiavano disse: Gesù: In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà. (9d recit evang) Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: (9e coro) sono forse io, Signore? (Mt 26, 17-22)
  10. (Corale) Sono io che dovrei espiare, legato mani e piedi nell’inferno. I flagelli, le catene, i tuoi patimenti, tutto ha meritato l’anima mia.
  11. (evang) ed egli rispose: (Gesù): Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, com’è scritto di lui; ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato! (evang.) Giuda, il traditore, disse: (Giuda) Rabbi, sono forse io? (evang.) Gli rispose: (Gesù): Tu l’hai detto. (evang🙂 Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: (Gesù) Prendete e mangiate, questo è il mio corpo. (evang.) Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: (Gesù): Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue del nuovo testamento, versato per molti, in remissione dei peccati. Io vi dico che da ora non berrò più di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò di nuovo con voi nel regno del Padre mio. (Mt 26, 23-29)
  12. (recit soprano) Sebben il mio cuore sia inondato di lacrime, che Gesù sta per separarsi da me, pur mi allieta il suo testamento: la sua carne ed il suo sangue, doni preziosi, ha lasciato nelle mie mani. Così su questa terra con i suoi non ha potuto adirarsi, amandoli fino all’ultimo.
  13. (aria soprano) Voglio donarti il mio cuore, là discendi, mio Salvatore! In te voglio immergermi; e se per te troppo piccolo è il mondo, ah, pur sarai per me più che terra e cielo. (da capo)
  14. (Angoscia di Gesù sul monte degli ulivi) (recit evang) E dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli ulivi. Allora Gesù disse loro: (Gesù) Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia in questa notte. Sta scritto infatti: Percuoterò il pastore e saranno disperse le pecore del gregge. Ma, dopo la mia risurrezione, vi precederò in Galilea. (Mt 26, 30-32)
  15. (Corale) Riconoscimi, mio difensore, mio pastore, accoglimi! Da te, fonte d’ogni bene, ho ricevuto tanti benefici. Il tuo labbro m’ha ristorato con latte e dolce cibo, il tuo spirito m’ha donato tanta gioia celeste.
  16. (recit evang) Ma Pietro gli disse: (Pietro) Anche se tutti si scandalizzassero di te, io non mi scandalizzerò mai. (Evang) Gli disse Gesù: (Gesù) in verità ti dico: questa notte stessa, prima che il gallo canti, mi rinnegherai tre volte. (evang) E Pietro gli rispose. (Pietro) Anche se dovessi morire con te, non ti rinnegherò. (Evang) Lo stesso dissero tutti gli altri discepoli. (Mt 26, 33-35)
  Pagina 2 »

3 Responses to “Matthäuspassion”

  1. Giacomo says:

    Ciao! Complimenti per il coro e per il sito. Sono capitato qui perché sto cercando disperatamente il testo italiano della passione di Matteo di Bach. Finalmente l’ho trovato! Ma dov’è il pdf??

  2. piero says:

    La ringrazio della segnalazione, ho corretto subito l’errore. Ora il testo e’ disponibile cliccando sul link con l’icona PDF in testa a questo post.
    Piero Marsiaj (webmaster)

  3. Tim Smith says:

    Egregi Signori,

    Potrebbe essere in grado di aiutarmi a contattare il Dr. Gabriel Cervone? Vorrei chiedere se si potrebbe permettere l’uso della sua traduzione la Passione secondo San Matteo in un sito Flash che sto lavorando in: http://bach.nau.edu/matthew/mp.html

    Molte grazie,

    Timothy A. Smith
    Professore di Teoria musicale
    Northern Arizona University
    Flagstaff, Arizona Stati Uniti d’America

Leave a Reply