Feed on
Posts
Comments

Metodologia

L’itinerario di studio, collettivo e individuale si articola in lezioni mirate all’approfondimento dello studio del canto attraverso la musica d’assieme, l’esercizio della respirazione diaframmatica nel corso di lezioni singole, la vocalità, le lezioni pratiche di coro e i concerti, alla conoscenza del ritmo e dell’espressione corporea e al saper comunicare attraverso la drammatizzazione le esperienze musicali vissute.

Si usano coreografie e musiche ritmiche, sussidi strumentali e scenici, dispense e partiture musicali.

La preparazione musicale avviene tramite l’applicazione di metodologie studiate per i giovani, le quali mirano soprattutto al coinvolgimento di tutto il corpo all’azione del suono, che agisce sulla persona in vari modi, secondo la posizione e l’esercizio. Per esempio la preparazione al ritmo e la suddivisione del tempo e del movimento, avviene attraverso esercizi ritmico-motori, che comprendono la mobilità di tutto il corpo al fine di liberarlo dalle tensioni e coordinarlo al ritmo musicale.

I corsi istituiti si sviluppano su due livelli:

1. Corso d’avviamento per i bambini che iniziano lo studio del canto e della musica, con lo scopo di coinvolgerli alla nascita del mondo sonoro.
2. Corso di specializzazione, che prepara gli allievi all’interpretazione musicale più ampia e professionale, fino alla costituzione del coro effettivo.
Il repertorio proposto è polifonico-corale, e abbraccia ogni stile e forma musicale dei vari periodi della storia della musica. Non è disdegnata la musica moderna (nelle sue varie espressioni) e di consumo, per un maggior coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi. Ma soprattutto il gruppo si prodiga alla realizzazione di opere teatrali, o fiabe in musica, e i corsi di studio mirano alla specializzazione degli allievi alla drammatizzazione (di grande valore educativo) e a quello che può essere definita una capacità artisticamente completa per un attore e cioè il saper cantare e recitare contemporaneamente; così gli stessi allievi sono preparati ad impersonificare le parti di fanciullo all’interno delle opere liriche.

Leave a Reply